Robot invisibile, c’è ma non si vede. Come funziona e cosa può fare

robot-invisibile

Un robot invisibile è un robot fatto con un gel molto particolare ed è capace di mimetizzarsi alla perfezione con l’ambiente. Lo hanno progettato e realizzato gli ingegneri del Massachussets Institute of Technology di Boston. Questo robot invisibile è un soft robot, un robot soffice e trasparente. Si apre un altro interessante e affascinante versante di studio e approfondimento per la robotica.

Robot invisibile, com’è fatto

Il robot invisibile progettato dagli ingegneri del Massachussets Institute of Technology è fatto di idrogel.

L’idrogel è una sostanza resistente ma morbida, gommosa e trasparente composta per la quasi totalità di acqua. In alcuni casi la percentuale di acqua contenuta può raggiungere il 99 per cento. E infatti i robot invisibili sono quasi totalmente fatti di acqua.

L’idrogel – ha spiegato Xuanhe Zhao, professore associato di ingegneria meccanica e ingegneria civile e ambientale del MIT, che ha lavorato alla realizzazione di questo robot – è biocompatibile, compatibile cioè con gli organi umani. Questo lascia intravedere la possibilità che in futuro questi robot possano trovare applicazione anche in campo medico.

Ogni robot è composto da diversi cubi di idrogel assemblati insieme. Quando l’acqua viene pompata all’interno di queste strutture i robot si accorciano e si allungano e questo movimento permette loro di muoversi.

Robot invisibile, cosa può fare e come funziona

Cosa può fare un robot invisibile e come funziona. Un robot invisibile è un robot subacqueo, veloce nei movimenti e resistente. È fatto di acqua e l’acqua è il suo ambiente naturale. Grazie alla sua struttura può svolgere una serie di compiti. In questo video lo vediamo afferrare un pesce e rilasciarlo subito dopo. Questa prova ci dà una idea precisa della sua velocità, della sua forza e resistenza. Ma soprattutto è una conferma di quanto è morbido questo robot. Se fosse stato un robot fatto di materiale plastico e lega metallica probabilmente il pesce non sarebbe uscito vivo da questo test.

In futuro questi robot potrebbero trovare applicazione in campo medico. Per esempio per la realizzazione di una mano robotica da utilizzare per la manipolazione delicata di tessuti e organi durante le operazioni chirurgiche.

Per realizzare questi soft robot fatti di idrogel i ricercatori si sono ispirati alla natura, in particolare ai leptocefali, le larve di alcuni tipi di pesci, e alle anguille cieche e in particolare alla loro capacità di diventare trasparenti e mimetizzarsi per difendersi dai predatori durante le migrazioni. Come si vede nella foto in apertura di questo articolo, quella in alto (foto di Hyunwoo Yuk/MIT Soft Active Materials Lab), il robot è totalmente mimetizzato anche se si mette su uno sfondo colorato.

Il robot invisibile è stato anche sottoposto a prove di resistenza: è stato in grado di ripetere un migliaio di movimenti senza guasti o rotture.

Robot invisibile, quanto costa

Se vi state chiedendo qual è il prezzo di un robot invisibile e dove si può comprare, vi diciamo subito che non è in vendita. Si tratta, come avrete capito dall’articolo, di un prototipo che dovrà essere perfezionato, per poi trovare applicazione concreta nella vita di tutti i giorni.

 

Potresti essere anche interessato agli articoli:

Biorobotica, la chiave per il progresso è nella natura

Robot flessibile, una “rivoluzione” tutta italiana

Soft robot: ecco Octobot, il polpo robot soffice

Smart materials: materiali intelligenti, così cambieranno il mondo

Pelle artificiale, così robot e umani si somiglieranno sempre di più