Un hotel gestito da robot umanoidi

hotel-robot-umanoidi-giappone

Un hotel gestito da robot umanoidi. In realtà sono due e si trovano entrambi in Giappone: a Sasebo, nella prefettura di Nagasaki, all’interno di un parco divertimenti, e a Urayasu una città giapponese della prefettura di Chiba vicino al Disney resort di Tokyo. Si chiamano entrambi Henn na Hotel, che in giapponese significa qualcosa come l’albergo del progresso, l’albergo evoluto. L’obiettivo è quello di far crescere negli anni, in tutto il mondo, il numero di questi alberghi, che si candidano a essere gli hotel più efficienti del mondo.

robot-umanoidi-hotel-giappone2La novità rispetto a tutti gli altri hotel è rappresentata da uno staff composto quasi interamente da robot umanoidi ma anche da dinosauri robot, che si occupano di assicurare una serie di servizi, come la pulizia della struttura, la gestione della reception (tra i robot che accolgono gli ospiti anche l’androide Nao robot), il facchinaggio. L’intero soggiorno degli ospiti in questo albergo è ad alto contenuto tecnologico.

Un sistema di riconoscimento dei volti, per esempio, assicura la possibilità di entrare e uscire dalle camere senza dover portare con sé le chiavi. Un braccio robotizzato gestisce il guardaroba dell’albergo, riponendo gli effetti personali degli ospiti in grandi scatole. Un carrello robot porta i bagagli nelle camere.

I robot umanoidi dell’Henn na Hotel

robot-umanoidi-hotel-giapponeGli automi che “lavorano” all’Henn na Hotel sono stati progettati dall’Università di Osaka e realizzati da Kokoro, società del Sol Levante che ha maturato una lunga esperienza negli anni nella realizzazione di robot umanoidi.

L’albergo dei robot vuole stupire ma anche rappresentare per il mondo un esempio di grande efficienza energetica realizzata grazie alla robotica all’intelligenza artificiale e alla realtà aumentata. Niente frigobar nelle camere, niente tv, ma solo tablet forniti agli ospiti a prescindere dalla tipologia di camera scelta.

Le luci si spengono automaticamente quando all’interno delle camere non c’è nessuno, grazie al sistema di riconoscimento delle presenze e dei volti. Niente climatizzatori ma dei pannelli radianti ad alta tecnologia che, assicurano dalla proprietà, temperature ottimali in tutte le stagioni.

E a conclusione del soggiorno il check-out e il pagamento avvengono grazie a delle casse automatiche.

Nelle camere dell’hotel gestito da robot di Tokyo c’è anche l’assistente virtuale Tapia, pronto a dare una serie di informazioni e consigli per il soggiorno agli ospiti della struttura.

Il prezzo di una camera doppia, con la prima colazione inclusa, parte da poco meno di 20 mila yen, circa 75 euro a persona, che per il Giappone non può essere considerata una cifra elevata.

Potrebbe anche interessarti:

Nao robot portiere d’albergo all’Hilton

Relay, il robot maggiordomo è servito

Amelia robot, segretaria instancabile con un cervello artificiale

Robot cowboy: Swagbot tiene d’occhio i pascoli e il bestiame

I robot ci ruberanno il lavoro? lo sapremo presto