Squalo robot, l’ultima frontiera della guerra sottomarina

squalo-robot

Lo squalo robot è l’ultima frontiera della robotica biomimetica, il tentativo forse più coraggioso di imitare la natura. La fonte di ispirazione non è un animale qualsiasi ma uno dei predatori più temibili al mondo. Lo squalo è un formidabile nuotatore dai movimenti sinuosi e coordinati, cui la robotica militare guarda con interesse da almeno un decennio. Ad affascinare gli scienziati è soprattutto il raffinatissimo apparato sensoriale dello squalo che gli consente di identificare le prede “fiutandone” i campi elettrici, anche a lunghe distanze. Riprodotta in uno squalo robot, tale caratteristica aiuterebbe a scovare i sottomarini nemici e a organizzare efficaci offensive via mare.

In questo campo, Stati Uniti e Cina sono i Paesi più avanti nella ricerca. Vediamo cosa si sono inventati.

Squalo robot: GhostSwimmer, lo squalo-spia della Marina Usa

squalo-robotGhostSwimmer è uno squalo robot realizzato da Boston Engineering per conto della Marina militare americana che lo ha già testato nelle acque di Virginia Beach. Ha le dimensioni di un tonno – circa un metro e mezzo per 45 kg – ma nuota come uno squalo vero . Progettato per svolgere attività di intelligence, sorveglianza e ricognizione, GhostSwimmer può raggiungere profondità superiori ai 90 metri. Grazie a una batteria a lunga durata, è in grado di operare autonomamente ma deve tornare in superficie per scaricare i dati raccolti. Se collegato a un computer portatile, può invece trasmetterli in tempo reale entro una distanza di 150 metri.

Abbiamo parlato di GhostSwimmer anche nell’articolo Pesce robot, ecco chi ci salverà dall’inquinamento.

Squalo robot, la Cina sfodera Haiyan

squalo-robot-chinaDall’altra parte del mondo, i ricercatori dell’Università cinese di Tianjin hanno invece realizzato uno squalo robot destinato inizialmente a supportare i biologi marini nelle osservazioni oceanografiche. Si chiama Haiyan ed è stato già sperimentato nelle acque del Mar Cinese Meridionale. Più che a uno squalo somiglia a un missile sottomarino: è lungo 180 centimetri, pesa 70 kg e viaggia a una velocità di 6 km/h. Può raggiungere una profondità di 1500 metri e ha un’autonomia di trenta giorni e mille km. La Marina cinese sta pensando di utilizzarlo in campo militare con le stesse finalità di GhostSwimmer. Non si esclude un  suo impiego anche in missioni di ricerca e salvataggio.

 

Potrebbe anche interessarti:

Robot da guerra e cyborg: il futuro delle guerre è la robotica militare

Robot da combattimento e droni militari, ecco la guerra del futuro

Droni militari, il nemico è invisibile

Robot killer, ecco cosa sono e perché dobbiamo temerli

Robot militari, così combatteranno nel futuro