Robotica biomedica, cos’è e come si prende cura di noi

robotica-biomedica

La robotica biomedica è un settore della robotica che si occupa della progettazione e dello sviluppo di robot e dispositivi robotici da utilizzare in campo clinico e sanitario. È un settore emergente dell’ingegneria biomedica e si propone di migliorare la qualità delle terapie e dei trattamenti, offrendo al medico e alla sua equipe un “assistente” robot affidabile e potenzialmente infallibile.

Vediamo insieme quali sono gli ambiti di applicazione della robotica biomedica e in che modo questa disciplina ci aiuta a vivere meglio e più a lungo.

Con la robotica biomedica interventi più efficaci e meno invasivi

La chirurgia robotica si avvale dei progressi della robotica biomedica per rendere più efficace e meno rischioso il lavoro del chirurgo in sala operatoria.

Un robot chirurgico come il robot Da Vinci, per esempio, consente l’esecuzione di interventi complessi e ad alta precisione, accorciando i tempi di recupero grazie a un approccio mini invasivo. Comandato a distanza da una console che ingrandisce di venti volte il campo operatorio, viene utilizzato prevalentemente per operazioni di prostatectomia robotica – cioè di rimozione chirurgica della prostata – e per il trattamento di tumori dell’utero e dell’addome. Ma non solo.

Altri robot biomedici come Flex Robotic System – un robot flessibile che può curvarsi fino a 180 gradi – stanno rivoluzionando invece il settore della chirurgia laparoscopica. Possono essere manovrati solo da chirurghi esperti, e soltanto dopo un periodo di training con un simulatore in realtà virtuale.

Sempre nell’ambito della robotica biomedica sono stati sviluppati dei micro robot di pochi millimetri in grado di muoversi e dissolversi nel nostro organismo dopo aver svolto il loro compito. L’obiettivo è  quello di utilizzarli come vettori di farmaci, per ripulire le arterie e prevenire gli infarti oppure per distruggere le cellule tumorali.

—–

Per saperne di più puoi leggere gli articoli:

Uomini robot, ecco come guariremo da tutte le malattie

Uomo bionico, dal cinema alla realtà

Cyborg: metà uomini, metà robot. Esisteranno mai?

Pattuglie di nanobot per combattere il cancro e l’infarto

Nanorobotica, cos’è e come può rivoluzionare le nostre vite

Origami robot, il mini robot che si costruisce da solo

—–

Robotica biomedica, protesi robotiche ed esoscheletri

La robotica biomedica combatte le disabilità attraverso l’impiego di dispositivi indossabili che consentono di recuperare la funzionalità di arti e organi danneggiati da un incidente o una malattia. Parliamo sostanzialmente di protesi robotiche ed esoscheletri, soft robot e “tute” sensorizzate che consentono di stringere un oggetto, tornare a camminare, vedere o sentire di nuovo.

In questo video vediamo come funziona l’esoscheletro per disabili ReWalk:

—–

Se vuoi approfondire l’argomento ti consigliamo di leggere:

Esoscheletro per paraplegici: come funziona

Esoscheletro, prezzo dei modelli in commercio

Esoscheletri, le aziende che li producono in Italia e all’estero

Riabilitazione robotica: incidenti e malattie fanno meno paura

Mano robotica: i miracoli della scienza, mai più disabili

Gamba bionica, un robot per camminare di nuovo

Occhio artificiale, sconfiggere la cecità ora è possibile

Orecchio bionico, sentire di nuovo con un impianto cocleare

—–

La robotica biomedica, inoltre, si occupa anche di disabilità cognitiva. Prendete per esempio i robot per bambini autistici che attraverso particolari software sono in grado di stimolare la curiosità, l’interazione, l’attenzione dei piccoli affetti da autismo o altre forme di disagio, aiutandoli a comunicare con l’esterno.

Puoi leggere in proposito anche gli articoli

Robot e autismo nei bambini. La sfida di Behaviour Labs

EduRob: disturbi cognitivi nei bambini, la “cura” è un robot

Leka, palla robot contro l’autismo

Robotica biomedica, dove studiarla in Italia e all’estero

Il corso di laurea più adatto per studiare robotica biomedica è quello di Ingegneria Biomedica. La possibilità di scelta è ampia, sia in Italia che all’estero. Per una panoramica più completa ti consigliamo di leggere l’articolo Ingegneria biomedica, cos’è e dove si studia in Italia.

 

Potrebbero anche interessarti:

Ingegneria robotica in Italia, dove si può studiare

Ingegneria cibernetica, imparare a progettare e costruire robot e droni

Ingegneria tissutale, cos’è e perché ci allungherà la vita

Biorobotica, la chiave per il progresso è nella natura

Lavoro del futuro. Ecco come sarà