Robot R1, prezzo e dettagli tecnici

robot-r1-prezzo

Robot R1, prezzo e caratteristiche tecniche del robot umanoide progettato dall’Istituto Italiano di Tecnologia. 

Dopo averne parlato nel nostro articolo R1 robot, il personal robot umanoide italiano, vediamo adesso di conoscerne i dettagli tecnici e quanto costa il robot domestico dell’IIT grazie al quale la robotica umanoide entrerà nelle nostre case.

Robot R1, altezza

Prima di parlare dei costi, vediamo insieme quali sono le caratteristiche tecniche del robot R1. Cominciamo con le dimensioni. Questo umanoide è alto 1 metro e 25 centimetri ma la sua altezza è variabile fino a 1 metro e 45 centimetri (può allungarsi di 20 centimetri). La possibilità di allungarsi è stata prevista per consentire a R1, che è un robot domestico di svolgere meglio alcuni compiti nella nostra abitazione. Per lo stesso motivo le sue braccia possono allungarsi fino a un massimo di 13 centimetri per raggiungere e afferrare oggetti lontani.

robot-r1-altezza

Ecco come si allunga R1. Il suo torso si allunga e ruota su se stesso. 

Robot R1, peso

R1 pesa 50 chili. È fatto per metà in plastica e per metà in fibra di carbonio e metallo. I progettisti dell’Istituto Italiano di Tecnologia ne vogliono fare un umanoide capace di lavorare al nostro fianco, nelle nostre abitazioni ma anche in ambiti professionali. Molti dei robot che stanno nascendo sono pensati per collaborare con noi quotidianamente, non solo nelle nostre case, ma anche in case di cura, ospedali, case famiglia e case di riposo per anziani. E questo è anche il caso di R1. E saranno robot sempre più sofisticati.

L’intelligenza artificiale del robot R1 è stata pensata e sviluppata direttamente su questo e per questo umanoide (se sei interessato al tema delle intelligenze artificiali non perderti il nostro articolo su Deep learning e reti neurali artificiali. Così i robot sfidano l’uomo)

robot-r1-prezzo

Robot R1, altri dettagli tecnici

Come si vede nella foto sopra, il robot R1 si sposta grazie a due grandi ruote. Può raggiungere una velocità massima di due chilometri orari (potrebbe andare anche a una velocità maggiore ma i progettisti hanno preferito limitarla per motivi di sicurezza). La sua batteria ha una durata di tre ore e quando si scarica può essere ricaricata collegando una spina a una qualsiasi presa elettrica della nostra abitazione. 

R1 si muove grazie a 28 motori, 16 per le braccia e quattro per le mani (due per ciascuna); un motore per ogni ruota; due consentono il movimento di testa e collo, quattro del torso.

robot-r1-prezzo

R1 con Giorgio Metta, direttore dell’iCub Facility Department dell’IIT

Uno schermo a led consente a R1 di cambiare l’espressione del volto secondo le situazioni nelle quali si trova. Nella testa si trovano anche due telecamere e uno scanner 3D che permettono a questo umanoide di “vedere”; i sensori dell’equilibrio (un accelerometro e un giroscopio), i sensori che consentono all’androide di percepire i suoni e gli altoparlanti dai quali emette i suoni. Grazie alla pelle artificiale che ricopre mani e avambracci può percepire il contatto con gli oggetti.

 

Sono tre i computer che consentono di far “vivere” R1. Il suo software è in parte open source e dunque aperto al contributo della community degli sviluppatori di tutto il mondo. Il software si aggiorna attraverso Internet grazie alla connessione wi-fi che permette a questo robot di essere sempre connesso. È proprio grazie alla sua connessione Internet che R1 può meglio dialogare e interagire con noi ed essere preparato a rispondere alle nostre necessità.

Robot R1, cosa sa fare

Il robot R1 è un robot domestico, pensato per svolgere una serie di compiti nelle nostre case. Dimenticatevi per il momento robot maggiordomo tuttofare, come Rosie, la cameriera robot di un cartone diventato famoso negli anni Settanta, o gli umanoidi protagonisti di uno dei tanti film sui robot visti al cinema o in tv. La robotica in questo momento non ha ancora le conoscenze per consentire la realizzazione di macchine intelligenti così perfette da poter sostituire gli esseri umani. R1 è un personal robot: ci darà dei consigli. risponderà ai nostri quesiti, intratterrà e giocherà con i bambini, assisterà gli anziani. Rispetto ad altri home robot  (tra questi per esempio Pepper robot, Zenbo robot e Buddy, giusto per citarne qualcuno) sarà in grado di afferrare e sollevare pesi fino a un chilo e mezzo, come bottiglie o bicchieri. E probabilmente lo incontreremo anche in centri commerciali, stazioni ferroviarie, aeroporti, ospedali e case di riposo per anziani.

Approfondisci l’argomento con l’articolo: Robot R1, cosa fa l’umanoide italiano

Robot R1 e iCub

icub-robotIl robot R1 nasce dalla lunga esperienza maturata dagli scienziati dell’Istituto Italiano di Tecnologia su iCub, il robot che assomiglia a un bambino di cinque anni ma che in realtà è una piattaforma robotica molto sofisticata e presente in molti laboratori di tutto il mondo.

Vi starete chiedendo allora perché non mettere in vendita questo robot umanoide, anziché progettarne un altro. L’obiettivo dell’IIT era quello di realizzare un robot che avesse un prezzo accessibile a tutti. E iCub che è appunto molto sofisticato ha un prezzo di alcune centinaia di migliaia di euro. Grazie a lui però gli scienziati stanno conducendo una serie di test che porteranno ad avere nei prossimi anni robot sempre più affidabili e adatti ai nostri bisogni. E appunto a un prezzo accessibile. R1 è una versione semplificata di iCub. Le sue mani per esempio. Sono meno sofisticate ma consentono ugualmente di afferrare piccoli oggetti.

Se vuoi conoscere meglio iCub ecco un paio articoli su di lui:

iCub, robot italiano intelligente. Prezzo e dettagli tecnici

iCub, il robot bambino sta crescendo

Robot R1, prezzo

Prima di parlare di quanto costa il robot R1, è importante una precisazione: non è ancora in vendita. Lo sarà probabilmente tra la fine del 2017 e la prima metà del 2018.

Non c’è ancora per il momento un prezzo di vendita ufficiale per R1. All’inizio si ipotizza che costerà quanto una utilitaria. Non tutti potranno permetterselo, esattamente come è successo per altri elettrodomestici e gadget ad alta tecnologia. Poi i prezzi scenderanno notevolmente e questi umanoidi non saranno più uno status symbol. Per averne uno bisognerà spendere poche migliaia di euro.

Ricordate cosa è successo prima con i pc, i telefonini e poi con gli smartphone? sarà pressappoco così. E in futuro magari sarà possibile anche prenderne in affitto uno.

Per concludere, ecco il video dell’Istituto Italiano di Tecnologia su R1.

 

Vuoi sapere di più sugli umanoidi come il robot R1? Ecco un po’ di articoli del nostro blog sull’argomento:

Robot umanoidi in vendita, prezzo e caratteristiche

Robot umanoidi: ecco quanto costano

Robot umanoidi giapponesi: i cloni di Hiroshi Ishiguro

Robot in Italia, ecco perché siamo all’avanguardia