Robot per bambini autistici, ecco i modelli disponibili

robot-per-bambini-autistici2

Robot per bambini autistici: studi recenti dimostrano che l’utilizzo di robot umanoidi, può rivelarsi efficace anche nel trattamento dell’autismo. Sfruttando l’empatia che si instaura tra i piccoli e i robot è possibile abituare i bambini autistici a interagire meglio con il mondo esterno.

Passiamo in rassegna i modelli già disponibili e i progetti in cantiere. Vediamo come la robotica può rivelarsi utile anche in questo settore.

Robot per bambini autistici: Ask Nao

Ask Nao, acronimo di Autism Solution for Kids, è un software disponibile per Nao, il robot umanoide prodotto da Aldebaran Robotics (che adesso si chiama Softbank Robotics).

Elaborato in collaborazione con il Centro autismo dell’Università di Birmingham, Nao stimola l’attenzione di bambini affetti da autismo con una serie di giochi ed esercizi didattici sullo sviluppo della comunicazione verbale e non verbale.

Per Ian Lowe, insegnante di una scuola di Birmingham che ha utilizzato Ask Nao in via sperimentale, “i robot interagiscono meglio con i bambini autistici perché non hanno emozioni”, sono “meno minacciosi” e più carismatici. Con loro, i tempi di reazione si accorciano e instaurare un dialogo diventa più facile.

Rivolto principalmente a scuole e centri specializzati nella cura dell’autismo, Ask Nao costa circa 1800 euro se acquistato on line, cui bisogna aggiungere il costo del robot che si aggira intorno ai 7 mila euro.

Robot per bambini autistici: Buddy Special Needs

Sul binomio robot e autismo nei bambini hanno lavorato anche i creatori di Buddy robot, il social robot di Blue Frog Robotics. Buddy Special Needs utilizza un software personalizzabile, progettato per aiutare i bambini autistici a diventare più autonomi. Offre la possibilità di pianificare le attività da svolgere e monitora i progressi del paziente.

In proposito puoi anche leggere: Buddy, prezzo e altre curiosità sul robot da compagnia per le famiglie

Robot per bambini autistici: iCub

icub-robotiCub, il robot bambino dell’Istituto Italiano di Tecnologia è una piattaforma robotica molto sofisticata, tra le più avanzate a livello mondiale. È un robot sociale, che interagisce con gli umani. Negli anni le sue capacità e le sue abilità sono cresciute, grazie a continui test e studi in molti laboratori del mondo.

Questo robot italiano sarà testato nelle terapie contro l’autismo all’Ospedale Gaslini di Genova, nel corso del 2017. La sperimentazione dovrà dimostrare l’efficacia del binomio robotica e autismo e se realmente i robot sono in grado di rompere l’isolamento che caratterizza questo disturbo.

Sull’umanoide dell’IIT puoi leggere anche: iCub, robot italiano intelligente. Prezzo e dettagli tecnici

Robot per bambini autistici: Milo

Milo, noto anche con il nome di Zeno robot, è un robot per bambini autistici realizzato dalla società texana RoboKind. Parliamo di un piccolo umanoide in grado di catturare l’attenzione dei più piccoli, tenendoli impegnati per il 70-80% del tempo rispetto al 10% delle terapie tradizionali. Milo si avvale del programma Robots4Autism, un supporto per terapisti, insegnanti e genitori. Rispetto a robot Nao e Buddy, Milo ha un viso espressivo e occhi che si muovono. Riconosce i volti ed è un abile intrattenitore. Come dimostrano alcuni test, interagendo con Milo, diversi soggetti autistici in età scolare sono migliorati nel contatto visivo e nel linguaggio del corpo.

Milo viene venduto per il momento solo a cliniche specializzate, scuole e aziende che si occupano di ricerca. Per avere informazioni sul prezzo bisogna contattare RoboKind sul sito ufficiale.

Robot per bambini autistici: i progetti italiani Behaviour Labs e Saracen

robot-per-bambini-autisticiMilo robot è al centro, tra gli altri, di un progetto della startup siciliana Behaviour Labs che ha creato un software per migliorare le interazioni sociali e cognitive dei bambini affetti da autismo (ne abbiamo parlato nell’articolo Robot e autismo nei bambini: la sfida di Behaviour Labs).

Saracen è invece un progetto di tre giovani ricercatori pugliesi finanziato dal Miur nel 2013. La fase sperimentale, condotta con il supporto dei Cnr di Messina e Lecce, ha dimostrato che introducendo un robot nella terapia il bambino autistico tende a rispondere più efficacemente agli input che riceve dall’esterno. Tre i robot utilizzati nel corso del progetto: Nao, Milo e Pleo, un cucciolo di dinosauro robot che “cresce” se viene coccolato.

Di Pleo robot abbiamo parlato anche negli articoli:

Pleo il cucciolo di dinosauro robot che cresce con voi

Dinosauri robot, Jurassic Park è tornato.

Robot per bambini autistici: Kaspar

Testato su 70 bambini e ragazzi autistici tra i 4 e i 16 anni, Kaspar è un robot umanoide progettato nel 2005 dall’Università inglese di Hertfordshire. Utilizzato nell’ambito del progetto Aurora, che studia l’impatto dei robot nelle terapie per l’autismo, Kaspar ha un’espressione neutra per non influenzare il comportamento del bambino. Con gesti inizialmente ripetitivi e una comunicazione essenziale e prevedibile, Kaspar mette a proprio agio il suo interlocutore e lo prepara a interagire con adulti e coetanei. Ancora in fase di sviluppo, i ricercatori sperano possa avere un giorno un costo accessibile per favorirne l’introduzione nelle scuole e nelle famiglie. In futuro, Kaspar potrebbe essere impiegato anche nel trattamento delle sindromi di Down e da deficit di attenzione e iperattività.

Robot per bambini autistici: Numerino insegna a contare

robot-per-bambini-autistici-numerino

Si chiama Numerino ed è un robot per bambini autistici che insegna a contare, ideato e realizzato da Dario Gelo, un docente di Prato appassionato di robotica. Questo robot, spiega Gelo sul suo blog, esegue i comandi impartiti con un telecomando e in un display mostra i passi ancora da compiere in maniera che il bambino possa associare a ogni numero una quantità o, come nel caso specifico, una distanza.

Numerino è un robot realizzato con Arduino.

 

Abbiamo parlato di robot per bambini autistici anche negli articoli:

Robotica e autismo, iCub e gli altri robot per le terapie

EduRob: disturbi cognitivi nei bambini, la “cura” è un robot

Leka, palla robot contro l’autismo

Aisoy, robot educativo che esprime le sue emozioni

Robotica educativa, come costruire un robot a scuola

Buddy, il robot per le famiglie

Robot Buddy conquista il mondo

Robot per bambini, quali comprare e dove trovarli

Robotica per bambini, cos’è e perché sta diventando importante