Robot militari, così combatteranno nel futuro

robot-militari

Robot militari, autonomi e “intelligenti”. Saranno loro i protagonisti delle guerre del futuro. Secondo il Dipartimento della Difesa americano, entro il 2030 i conflitti saranno combattuti quasi interamente utilizzando sistemi robotici senza pilota, in grado di agire su più fronti con un alto livello di precisione. Gli eserciti tradizionali secondo questa previsione dovrebbero subire un ridimensionamento significativo: la consistenza delle truppe non conterà più come una volta. Sarà l’allestimento tecnologico a fare la differenza.

Nella foto sopra, il robot sentinella della Samsung SGR-A1, di cui parliamo nell’articolo: Robot Killer, cosa sono e perché dobbiamo temerli

Robot militari: dai carri armati ai droni spara missili

Sembra passata un’era geologica dai tempi del Teletank, carro armato a controllo remoto usato dai sovietici durante la seconda guerra mondiale. Dotato di mitragliatrici, lanciafiamme e fumogeni, era capace di riconoscere ed eseguire una ventina di comandi trasmessi via radio su due frequenze diverse.

Oggi il comando a distanza è un principio che si applica ai droni militari, detti anche UAV, Unmanned Aerial Vehicle, aeromobili a pilotaggio remoto usati prevalentemente per missioni di sorveglianza, ricognizione e intelligence in territorio nemico. Equipaggiati con videocamere e sensori, si controllano via satellite e in alcuni casi possono anche essere armati, come i droni Reaper – muniti di missili anticarro e bombe laser – in dotazione alle forze statunitensi, britanniche e israeliane.

Robot militari: un esercito di animali robot

Proprio gli Usa e la Cina sono i Paesi che stanno investendo di più nel campo della robotica militare. Da questo punto di vista, i droni rappresentano solo una delle facce della guerra robotica. In attesa di capire chi la spunterà nella corsa agli armamenti autonomi, l’obiettivo a breve termine è sviluppare robot militari capaci di supportare gli eserciti sul campo di battaglia.

robot-militari-big-dogLa Darpa, agenzia del Dipartimento della Difesa americano, ha finanziato ad esempio lo sviluppo di Big Dog, un cane-mulo robot progettato da Boston Dynamics – tra le aziende di robotica più conosciute al mondo – in grado di camminare su terreni impervi e trasportare carichi fino a 180 chili. I primi test non sembrano però aver convinto i vertici dei marines che hanno deciso di interromperne la sperimentazione. Big Dog sarebbe infatti troppo rumoroso e troppo difficile da riparare in caso di guasto.

Spera di aver maggior fortuna Cheetah, quadrupede robot sviluppato dai ricercatori del Mit di Boston sempre sotto la supervisione della Darpa. Cheetah può raggiungere una velocità massima di 47 km/h e saltare ostacoli alti 40-45 centimetri. Nei prossimi anni potrebbe essere utilizzato per attività di perlustrazione e ricognizione.

Tra gli animali robot progettati per scopi militari ci sono anche i droni acquatici, come GhostSwimmer, uno squalo robot alimentato a batterie, capace di raggiungere grandi profondità. Testato con successo dalla Marina militare statunitense, sarà impiegato in missioni di intelligence per spiare i movimenti del nemico.

robot-militari-robattleLa guerra robotica non sarà combattuta solo da animali robot. RoBattle è uno dei robot militari dell’azienda israeliana IAI, Israel Aerospace Industries.

RoBattle si muove su ruote o su cingoli, a seconda della versione ed è un robot militare autonomo. È dotato di quello che IAI definisce un kit robotico modulare che si adatta al tipo di missione che deve portare a termine.

Robot militari: i robot killer in prima linea

In futuro è facile immaginare un uso sempre più corposo dei robot militari. Il punto di arrivo di questo processo saranno – con ogni probabilità – i robot killer, dotati di intelligenza artificiale e con “licenza” di uccidere. Completamente autonomi, saranno in grado di colpire gli obiettivi nemici riducendo contemporaneamente i rischi per i soldati, destinati a contare sempre meno dal punto di vista della presenza sui teatri di combattimento.

Un ruolo potrebbero averlo sui teatri di guerra anche i robot giganti. Il primo robot gigante umanoide pilotato dall’interno da un uomo è stato testato nel 2016. Non si conosce ancora quale possano essere le applicazioni concrete. Ma la tentazione di farne dei robot militari è tanta.

Al di là delle considerazioni di carattere etico, gli “indizi” vanno tutti in questa direzione: piaccia o no, la guerra 2.0 sarà completamente automatizzata e robotizzata..

 

Ci siamo occupati di robot militari anche negli articoli:

Robot da combattimento e droni militari, ecco la guerra del futuro

Robot da guerra e cyborg: il futuro delle guerre è la robotica militare

Piaggio P1HH Hammerhead, il drone militare italiano

 

Potrebbe inoltre interessarti:

Cyborg: metà uomini, metà robot. Esisteranno mai?

Cyborg e uomini bionici, arriva l’uomo robot

Esoscheletro militare: Iron Man non è più fantasia

Esoscheletro da combattimento, i super soldati scendono in campo

Google robot, così Mountain View si prepara alla rivoluzione robotica