Prostatectomia robotica. Così i robot migliorano la qualità della vita

prostatectomia-robotica

La prostatectomia robotica è un’operazione chirurgica che consiste nella rimozione totale o parziale della prostata mediante l’uso di un robot. È uno degli interventi di chirurgia robotica più diffusi al mondo e viene eseguito prevalentemente nei casi di tumore alla prostata, di piccole dimensioni e senza metastasi. Dal 2000 rappresenta una valida alternativa alla cosiddetta prostatectomia “a cielo aperto”, che prevede l’asportazione della ghiandola per via retropubica, cioè attraverso un taglio di 10-15 centimetri al di sotto dell’ombelico.

Prostatectomia robotica, come avviene

La prostatectomia robotica si avvale del robot Da Vinci, un robot chirurgico dotato di bracci meccanici e una “vista” 3D che consente di ingrandire fino a 15-20 volte il campo operatorio. Sviluppato dall’americana Intuitive Surgical, viene comandato a distanza tramite una console computerizzata, dalla quale il chirurgo gestisce le fasi dell’intervento.

Grazie a un approccio mini invasivo, Da Vinci opera con estrema precisione, quasi senza lasciare tracce. La rimozione della prostata avviene tramite piccole incisioni – larghe non più di un centimetro – all’altezza dell’addome dove vengono inseriti gli strumenti chirurgici che sono collegati ai bracci del robot.

L’operazione viene eseguita in anestesia totale e consente di preservare – o intaccare il meno possibile – i nervi responsabili dell’erezione.

I vantaggi della prostatectomia robotica

prostatectomia-robotica-da_vinciRispetto alla tecnica a cielo aperto, la prostatectomia robotica è più costosa ma meno traumatica. Le perdite di sangue, così come le possibilità di contrarre infezioni, sono ridotte. La degenza ospedaliera è più breve e i tempi di recupero della continenza urinaria e della funzione sessuale sono più veloci.

Prostatectomia robotica in Italia

La prostatectomia robotica è una pratica chirurgica ormai frequente nelle sale operatorie di tutto il mondo. Negli Stati Uniti, ad esempio, oltre l’80% delle operazioni di asportazione della prostata vengono eseguite per via robotica. In Italia siamo ancora lontani dalle percentuali americane, ma il trend è in costante aumento. Sono infatti una quarantina – tra ospedali e cliniche – i centri che utilizzano il robot Da Vinci per la prostatectomia robotica. Per avere maggiori informazioni sulle strutture che eseguono questo tipo di intervento potete consultare il sito davincisurgeonlocator.com.

 

Abbiamo parlato di prostatectomia robotica anche negli articoli:

Robot Da Vinci, come funziona la chirurgia robotica

Il robot Da Vinci e la chirurgia robotica in Italia

 

Potrebbe anche interessarti:

Robot chirurgici: ecco come funzionano e come diventeranno autonomi

Robot in Italia, ecco perché siamo all’avanguardia