Piattaforma EMMA. Coding e robotica? Si studiano on line

piattaforma-emma-coding

Con la piattaforma EMMA, coding e robotica si studiano on line. EMMA in poco tempo ha registrato un vero e proprio boom di iscritti. Nasce da un’idea dell’Università Federico II di Napoli che, in collaborazione con altri undici partner europei, ha promosso un progetto pilota finanziato dall’UE con l’obiettivo di sperimentare nuovi metodi di insegnamento e apprendimento basati sui Mooc, corsi online aperti a tutti, incentrati su argomenti diversi.

piattaforma-emma_codingLa piattaforma EMMA in realtà non è solo una piattaforma per il coding: è infatti un aggregatore di corsi di e-learning offerti da un gruppo di provider e rivolti prevalentemente a docenti di ogni livello, dalla scuola primaria all’Università.

Il suo punto di forza – per dirla con le parole di Rosanna De Rosa, coordinatrice del progetto – sta nella sua dimensione “paneuropea”: la piattaforma EMMA offre infatti un servizio di traduzione automatica dei corsi in otto lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, polacco, estone, catalano), con un controllo dei contenuti fatto da docenti madrelingua.

In un solo anno, tra il 2015 e il 2016, EMMA ha raddoppiato il numero di iscritti, raggiungendo ad aprile 2016 quota 20 mila, il 73% dei quali ha partecipato ad almeno un corso.

Piattaforma EMMA per il coding, come funziona

Coding your classroom, now! è il nome del corso di coding disponibile gratuitamente su EMMA. Per accedervi è sufficiente registrarsi alla piattaforma, inserendo i dati personali. Dopo esservi loggati potete iscrivervi al corso che è diviso in sei lezioni e che potete seguire in diretta streaming oppure on demand. Se siete degli insegnanti, potete farlo direttamente in classe insieme ai vostri ragazzi.

Il corso, scandito da una serie di prove in itinere, è un mix di attività online – basate sull’utilizzo di Code.org e Scratch (se vuoi saperne di più ne parliamo nell’articolo Come usare Scratch: una guida su tutto quello che ti serve sapere– e attività “unplugged”, che non richiedono cioè l’uso del computer. Dopo aver seguito tutte le lezioni di coding e superato le relative prove riceverete un attestato di frequenza.

Ecco il video di presentazione del corso:

Piattaforma EMMA, non solo coding: c’è anche la robotica educativa

Grazie a questo corso, che in meno di tre mesi ha raccolto più di seimila iscritti, piattaforma EMMA e coding sono ormai una cosa sola. “In poco tempo – ci ha spiegato Rosanna De Rosa – abbiamo creato una learning community con migliaia di docenti che lavorano in contemporanea sia all’interno del corso che in classe”.

Non solo coding, comunque. L’offerta di corsi su EMMA è ampia e variegata. Al momento sono 36, tutti multilingue. Tra questi, ad esempio, ce n’è uno incentrato sulla formazione dell’educatore digitale e sull’utilizzo di smart toys per la robotica educativa come Cubetto robot, Dash and Dot e mBot. Lo organizza Tinkidoo, startup nel campo dell’education technology.

Restando in ambito didattico segnaliamo anche “Philosophy for children”, un corso promosso dal dipartimento di Scienze umanistiche dell’università Federico II, pensato per educare le giovani generazioni al pensiero tollerante e cosmopolita.

 

Per approfondire gli argomenti di cui parliamo in questo articolo puoi leggere anche:

Coding, cos’è e perché non dovremmo sottovalutare le sue potenzialità

Coding e pensiero computazionale nella scuola primaria

Coding a scuola: con i robot è più divertente. Ecco perché

Pensiero computazionale, definizione e significato

Animatore digitale: a scuola è il mago del coding

Robotica educativa, cos’è

 

Potrebbero anche interessarti gli articoli:

Tynker, il coding non ha più segreti. A casa e a scuola

Come usare Scratch: una guida su tutto quello che ti serve sapere

Scratch Junior: così i bambini imparano a programmare

Come imparare a programmare in modo facile

App per il coding, guida alle migliori

Swift Playground: il coding su iPad è più divertente

Scuola di robotica: il futuro ora si impara sui banchi

Corsi di robotica: ecco chi li organizza in Italia