Pepper, tutte le informazioni che stavi cercando su questo robot umanoide

pepper

Pepper, il robot umanoide di Aldebaran Robotics (che adesso ha cambiato il suo nome in Softbank Robotics) non avrà più segreti per te dopo che avrai letto questo articolo. Pepper è uno dei primi robot da compagnia al mondo a essere entrato nelle nostre abitazioni. Vediamo insieme come è fatto, cosa può fare, quanto costa e scopriamo le sue principali caratteristiche tecniche.

Pepper, ecco com’è fatto

pepperPepper è un robot umanoide alto un metro e venti e pesa 28 chili. Si muove su ruote e interagisce con gli amici umani anche attraverso un tablet che si trova all’altezza del torso. Grazie a quattro microfoni direzionali che ha nella sua testa, è in grado di rilevare la provenienza di suoni e voci e girare la faccia in direzione di chi sta parlando. Questi microfoni gli consentono anche di analizzare il tono della tua voce per interpretare il tuo stato emotivo. Una fotocamera 3D e due telecamere HD gli permettono di riconoscere invece immagini, oggetti e volti.

Grazie alle sue tre ruote multidirezionali può muoversi in tutte le direzioni a una velocità massima di tre chilometri orari. È dotato di 20 motori che gli consentono di muovere testa, braccia e schiena. La sua batteria agli ioni di litio gli consente di avere fino a dodici ore di autonomia. I suoi sensori laser gli permettono di rilevare eventuali ostacoli al buio, anche se questo umanoide non è in grado di vedere in assenza di luce. I sensori laser sono sei, e a questi si aggiungono due sensori a ultrasuoni e tre rilevatori di ostacoli.

Cosa può fare Pepper

Pepper è un social robot che parla e comprende il linguaggio umano, un androide che percepisce le tue emozioni e agisce di conseguenza. È in grado di riconoscere se sei contento o triste, se ti sorprendi per qualcosa o se sei arrabbiato, analizzando il tono della tua voce, la posizione della testa e la postura che assumi mentre parli. Dialoga in diverse lingue, tra cui l’italiano. È  connesso sempre a Internet e ciò gli consente, quando ne hai bisogno, di suggerirti una ricetta, di tenerti informato su cosa è successo nel mondo nelle ultime ore piuttosto che tenerti aggiornato sulle previsioni del tempo.

Per saperne di più leggi anche: Pepper robot: cosa può fare l’umanoide che comprende le tue emozioni

Pepper per le famiglie

Pepper è stato programmato per vivere con te. È un robot da compagnia, il suo scopo è quello di dialogare con te, intrattenerti e intrattenere ogni componente della tua famiglia, compresi i bambini, e quindi non devi aspettarti da lui che sia in grado o impari a pulire il pavimento o che che sappia fare altri lavori domestici. Non è stato progettato per questo ma per interagire con te, informarti, darti indicazioni utili. E più vive in famiglia e più impara a conoscere i gusti e le caratteristiche di ogni componente e a soddisfare meglio le curiosità e i bisogni di ciascuno. Questo significa che apprende dall’interazione con te e il suo comportamento cambia di conseguenza, perché è in grado di memorizzare i tratti della tua personalità e le tue preferenze e si adatta gradualmente ai tuoi gusti e alle tue abitudini.

Pepper per le aziende

Pepper non è solo un family robot. Nella sua versione “for biz”, destinata cioè al business, alle aziende, può essere usato in negozi, attività commerciali, attività turistiche. Può fare per esempio il commesso di negozio, il consulente bancario piuttosto che l’assistente di bordo sulle navi da crociera. Marchi come Nestlè e Loft sono stati tra i primi ad averlo “assunto” come commesso per alcuni punti vendita giapponesi (anche in questo caso a fare da apripista è stato il Giappone, da sempre particolarmente sensibile alle novità tecnologiche). Costa Crociere ne ha fatto uno steward per gli ospiti delle sue crociere. Il numero di aziende che utilizzano robot nelle loro attività è in crescita. Il settore turistico è tra quelli più sensibili. E Pepper non è il solo umanoide che può essere impiegato in attività lavorative. Nao ha lavorato in un hotel gestito da robot umanoidi nella prefettura di Nagasaki, all’interno di un parco divertimenti.

Potresti leggere in proposito anche gli articoli:

Pepper va in Crociera, ecco dove trovarlo

Pepper robot commesso di negozio

Nao robot portiere d’albergo all’Hilton

Pepper per gli sviluppatori

app-per-robot-nao-pepperSoftbank Robotics ha aperto Pepper al contributo di una vasta community di sviluppatori e a tutti coloro che vogliano contribuire, per gioco, per passione, per lavoro, allo sviluppo del robot. Chiunque può farlo e suggerire usi diversi di Pepper secondo la propria professionalità e le proprie attitudini, inventando nuovi comportamenti, app, nuovi contenuti che possono accrescere le abilità in settori diversi di questo umanoide.

Per saperne di più ci si può collegare alla sezione Developers del sito di Softbank, dove è possibile scaricare anche il software SDK per poter iniziare a creare per Pepper.

Prima ti potrebbe interessare leggere anche il nostro articolo: Choregraphe: cos’è e come funziona il software per programmare Nao e Pepper

 

Pepper, prezzo

Al momento Pepper non è in vendita in Italia, si prevede che arrivi in Europa nel 2017. Per conoscere il prezzo in Giappone puoi leggere il nostro articolo Robot Pepper: prezzo e caratteristiche del robot più amato

Per le aziende che vogliano affittarlo ecco un altro post utile: Pepper for biz, Softbank affitta Pepper alle aziende

 

Un altro articolo che abbiamo scritto su Pepper:

Robot Pepper, un robot per amico

 

Potresti essere interessato anche a Robot giapponesi: da Goldrake ad Asimo