Occhio artificiale, sconfiggere la cecità ora è possibile

occhio-artificiale

L’occhio artificiale è un dispositivo elettronico che consente alle persone non vedenti di recuperare parzialmente la vista. È tra le protesi robotiche di più recente sperimentazione e si propone in futuro di sconfiggere tutte le tipologie di cecità. In questo articolo cerchiamo di capire come funziona l’occhio artificiale e a che punto è la ricerca.

Argus II, l’occhio artificiale di Second Sight

Argus II è un occhio artificiale pensato per pazienti che soffrono di retinite pigmentosa, una patologia degenerativa e irreversibile della retina. Realizzato dalla compagnia californiana Second Sight, è costituito da un microchip impiantato nella retina che riceve e traduce in immagini gli impulsi provenienti da una microcamera installata su un paio di occhiali. Argus II consente di percepire luci, ombre, sagome di persone e oggetti, tutto in bianco e nero. Tra il 2011 e il 2013 è stato approvato per la vendita in Europa e negli Stati Uniti.

Occhio artificiale, con Alpha IMS è possibile tornare a leggere

occhio-artificialeAlpha IMS, occhio artificiale sviluppato dalla tedesca Retina Implant AG, restituisce una vista più nitida ma meno ampia rispetto ad Argus II. I pazienti che l’hanno provato sono riusciti a riconoscere alcuni oggetti, intuire i volti e leggere scritte con grandi caratteri. Alpha IMS è composto da un microchip sottoretinico da 1500 pixel, funziona senza l’ausilio di occhiali ma richiede l’utilizzo di un alimentatore di energia, posto dietro un orecchio.

L’occhio artificiale made in Australia

occhio-artificiale

I ricercatori della Monash University di Melbourne hanno realizzato un prototipo di occhio artificiale che attraverso una videocamera incorporata in un paio di occhiali cattura le immagini e le trasmette sotto forma di segnali elettrici a 11 microchip impiantati chirurgicamente nella corteccia cerebrale. Questo occhio bionico promette di restituire la vista all’85% delle persone affette da cecità causata da glaucoma e degenerazione maculare.

 

 

Occhio artificiale fotovoltaico, la sfida dell’IIT di Genova

La ricerca procede spedita anche nel nostro Paese. L’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova sta lavorando a una retina artificiale composta da cellule fotovoltaiche – costruite in laboratorio – che si comportano come fotorecettori naturali. I primi test eseguiti sugli animali hanno dato esito positivo. Nel giro di qualche anno dovrebbe iniziare la sperimentazione anche sull’uomo, in particolare su soggetti colpiti da retinite pigmentosa e degenerazione maculare.

Bionic Lens per una vista da falco

Non si “limitano” a far recuperare la vista a chi le indossa, ma addirittura a potenziarla. Parliamo di Bionic Lens, non un occhio artificiale ma delle lenti che correggono i difetti visivi garantendo una vista praticamente perfetta. Le ha realizzate l’azienda canadese Ocumetics. Bionic Lens si impiantano nell’occhio attraverso un’incisione di pochi millimetri e sono efficaci su pazienti di tutte le età. Ancora in fase sperimentale, potrebbero arrivare sul mercato entro un paio di anni.

 

Abbiamo parlato di Bionic Lens anche nell’articolo:

Uomini robot, ecco come guariremo da tutte le malattie

 

A proposito di protesi robotiche puoi leggere anche:

Mano robotica: i miracoli della scienza, mai più disabili

Dito bionico, così torna il tatto a chi non ha più un arto

Gamba bionica, un robot per camminare di nuovo

Ginocchio bionico, tornare a correre e a nuotare

Orecchio bionico, sentire di nuovo con un impianto cocleare

Impianto cocleare, costo e funzionamento

Guanto robotico, funzionamento e modelli

 

 

Potrebbero inoltre interessarti gli articoli:

Cyborg e uomini bionici, arriva l’uomo robot

Cyborg: metà uomini, metà robot. Esisteranno mai?

Riabilitazione robotica, incidenti e malattie fanno meno paura