Nao, tutte le informazioni che stai cercando su questo robot umanoide

nao

Se siete alla ricerca di informazioni su Nao, in questo articolo abbiamo raggruppato tutto quanto abbiamo scritto fino a questo momento su questo robot programmabile, prodotto da Aldebaran Robotics (che adesso si chiama Softbank Robotics), una delle aziende di robotica più note nel panorama mondiale.

Nao, partiamo con qualche numero

nao

Nao con gli altri robot di Aldebaran, Pepper e Romeo

Nao è un robot programmabile, un robot open source, alto 58 centimetri. Aldebaran Robotics, azienda del gruppo Softbank, ha cominciato a lavorare a questo umanoide nel 2006. Dal 2014 è disponibile la versione Nao Evolution, la quinta generazione, basata sul sistema operativo Naoqi 2.0 che viene utilizzata anche per altri robot prodotti dall’azienda, tra cui robot Peppergià acquistato in Giappone da migliaia di famiglie.

Nella versione più recente di Nao sono state migliorate una serie di funzionalità, tra le quali quelle legate all’interazione tra uomo e robot. Nao è considerato in questo momento il robot umanoide più evoluto disponibile in commercio, capace di parlare in italiano.

Nao quanto costa?

nao

Nao è disponibile in due colori, blu e rosso

Il prezzo non è proprio alla portata di tutte le tasche, anzi. Il motivo per cui probabilmente Nao non è ancora entrato a far parte di tutte le famiglie, come sta già succedendo per Pepper nel Sol Levante, è probabilmente il costo ancora elevato. Parliamo di circa settemila euro contro i 1400 del prezzo di Pepper (su cui puoi leggere l’articolo Robot Pepper, prezzo e caratteristiche del robot più amato).

 

Nonostante un prezzo non proprio friendly, Nao si sta però imponendo come robot sempre più utilizzato per la robotica educativa nelle scuole e per i corsi di robotica in generale.

Ne parliamo nell’articolo: Robotica educativa: guida ai 10 migliori robot

 

Secondo i dati di Aldebaran, oggi Nao è presente negli istituti di settanta Paesi del mondo, dove studenti di tutte le età possono imparare a programmarlo grazie a un software dall’uso intuitivo, come Choregraphe.

Nao è al centro anche di una sfida internazionale, la Nao Challenge, un contest che in italia è co-organizzato dalla Scuola di Robotica e dalla Fondazione Golinelli.

Potrebbe interessarvi leggere, in proposito, Nao robot, prezzo e dettagli sul simpatico umanoide. E per un raffronto sui prezzi: Robot umanoidi, ecco quanto costano

Nao, cosa sa fare e cosa potrà fare per noi?

naoGrazie a Nao, il “prof” che insegna l’informatica, migliaia di ragazzi di tutte le età hanno già avuto il loro primo approccio con la robotica, in maniera intuitiva e divertente, e molti altri lo avranno in futuro. L’interfaccia di Choregraphe consente di programmare Nao facendogli compiere una serie di azioni come ballare o afferrare un oggetto, senza conoscere necessariamente i linguaggi di programmazione.

Nao è uno dei robot per bambini autistici, che può essere utilizzato nelle terapie contro il disturbo della personalità dei più piccoli, grazie al software Ask Nao, acronimo di Autism Solution for Kids.

L’obiettivo di Softbank Robotics è anche quello di farne anche un social robot, un robot da compagnia, che si integri con i ritmi della vostra famiglia. Potrete così chiedergli di insegnare le tabelline ai vostri figli, di ricordarvi un appuntamento o, ancora, di svegliarvi la mattina. Ma i robot in futuro diventeranno con molta probabilità il cuore dei sistemi domotici delle nostre abitazioni. Anche su questo fronte stanno lavorando gli sviluppatori di Aldebaran.

Approfondisci l’argomento leggendo: Nao robot, cosa può fare l’umanoide poliglotta

Nao, tanta tecnologia disponibile

Venticinque gradi di libertà, due processori, due videocamere, una unità inerziale che gli consente di sapere se è seduto o in piedi, nove sensori tattili e otto sensori di pressione per sentire quando lo tocchiamo, quattro microfoni direzionali per ascoltare, sensori a ultrasuoni e infrarossi. Sono alcune delle numerose dotazioni tecnologiche di Nao.  E ancora un sintetizzatore vocale che gli consente di dialogare con noi e speakers ad alta fedeltà. La batteria consente a Nao di avere per il momento un’ora e mezza di autonomia, anche se la durata reale dipende dal tipo di utilizzo che facciamo del robot.

Nao supporta il wifi e il protocollo Ethernet a cui si aggiungono i ricetrasmettitori ad infrarossi posizionati negli occhi.

Se avete necessità di conoscere altri dettagli e di consultare le schede tecniche, le trovate nell’articolo: Robot Nao, come funziona – dettagli tecnici.

Ecco un altro articolo su questo umanoide: Nao robot portiere d’albergo all’Hilton

Se tutto quanto abbiamo scritto finora non vi è sufficiente e volete saperne di più potete consultare il sito di Aldebaran (che dopo l’acquisizione da parte della società di telecomunicazioni giapponese Softbank ha cambiato nome in Softbank Robotics) .