L’internet delle cose, definizione ed esempi

l-internet-delle-cose-cos-e

L’Internet delle cose: cos’è, che attinenza ha con la robotica? L’Internet delle cose, Internet of things o Internet degli oggetti nei prossimi anni cambierà profondamente le nostre abitudini quotidiane, è una di quelle cose, insieme alla robotica, alla realtà aumentata e alla realtà virtuale che stanno facendo la rivoluzione tecnologica che stiamo vivendo e che vivremo nei prossimi anni. In un mondo sempre più connesso, l’Internet delle cose consentirà la completa digitalizzazione e connessione in rete delle nostre vite, in qualunque momento della giornata. Dopo le persone, sempre connesse alla rete attraverso i dispositivi mobili, anche le cose, gli oggetti saranno connessi e questo li renderà oggetti intelligenti, capaci di fare ciò che hanno fatto per noi fino a oggi ma in maniera più intelligente.

L’Internet delle cose, definizione

L’Internet delle cose è la traduzione letterale dell’espressione inglese Internet of things, coniata nel 1999 dal ricercatore britannico Kevin Ashton per indicare la possibilità di collegare a Internet qualunque oggetto o dispositivo dotato di sensori.

L’Internet delle cose (o Internet degli oggetti) è una specie di Internet degli strumenti quotidiani, un mega network in cui tutti gli oggetti che ci circondano sono connessi alla rete e interconnessi tra loro. In questo modo, raccolgono e si scambiano dati in tempo reale, dialogano tra loro e comunicano con il mondo esterno e ci forniscono informazioni alle quali prima non avevano e non avevamo accesso. Apparecchi e dispositivi con queste caratteristiche vengono definiti smart objects, oggetti smart, oggetti “intelligenti”.

L’Internet delle cose, esempi

Per rendere meglio l’idea, pensa a una smart home, a una casa del futuro arredata con elettrodomestici e dispositivi controllati a distanza, che dialogano tra loro in modalità wireless. Dalle serrature che si aprono e chiudono con lo smartphone, al termostato che regola automaticamente la temperatura dell’appartamento, dai robot telecamera che sorvegliano la casa quando non ci sei al frigorifero che ti avvisa quando un alimento sta per terminare o sta per scadere, all’impianto di climatizzazione che puoi accendere o spegnere a distanza, che ti avverte o avverte il centro assistenza quando c’è un guasto. Questi ovviamente sono solo alcuni esempi. In realtà, il mondo dell‘Internet of things è molto più ampio, va oltre la domotica e trova applicazione in svariati settori: telematica, auto, robotica, healthcare, trasporti, solo per citarne alcuni. E non c’è limite alle cose che può fare perché non c’è limite alla fantasia. E ne vedremo sempre di più belle. Questo video ci dà un’idea.

L’Internet delle cose e la robotica

Tra l’Internet degli oggetti e la robotica c’è un rapporto strettissimo, dovuto al fatto che i robot, per funzionare al meglio e interagire con noi e con l’ambiente esterno, hanno bisogno di essere connessi a Internet. L’esempio più calzante, da questo punto di vista, è rappresentato dai personal robot, automi di forma umanoide e non, pensati per aiutarci tra le mura domestiche.

robot-buddy_aI personal robot – noti anche come robot domestici, social robot, robot da compagnia – sono un concentrato di tecnologia al servizio della famiglia, sono dotati di connessioni bluetooth o wifi, e per svolgere molte delle loro mansioni devono essere collegati alla rete. Ci svegliano la mattina, ci informano sulle previsioni meteo, ricordano appuntamenti e scadenze, giocano con i bambini, assistono gli anziani e possono connettersi con gli altri dispositivi intelligenti della casa. Tra questi ci sono per esempio Buddy robotrobot Pepper, Jibo o Zenbo robot Asus, giusto per citarne alcuni.

I robot saranno il cuore della domotica, della casa intelligente. Saranno collegati con ogni oggetto della tua casa e con Internet. Vuoi degli esempi? basterà ordinare al tuo robot domestico di accendere il climatizzatore o una lampada e lui lo farà per te. Come? proprio grazie all’interconnessione tra gli oggetti e il tuo androide. O per esempio puoi chiedergli di prepararti un caffè e portartelo. Stessa cosa di prima. Il tuo robot “dialogherà” con la macchina del caffè, e una volta pronto te lo porterà.

Un altro settore della robotica in cui l’Internet delle cose sta trovando un’ampia diffusione è la robotica industriale. Ciò servirà ancora di più ad ottimizzare la produzione e ad aumentare il livello di automazione delle cosiddette fabbriche 4.0, quelle in cui cobotrobot collaborativie operai lavorano fianco a fianco.

 

Abbiamo parlato di Internet of things anche negli articoli:

Ingegneria Elettronica per l’Internet of Things, dove si studia in Italia

Ingegneria cibernetica, imparare a progettare e costruire robot e droni

Città del futuro, ecco come saranno