Jibo Robot, prezzo e altri particolari sul social robot di famiglia

jibo-robot-prezzo

Jibo, prezzo e altri particolari sul simpatico family robot creato da Cynthia Breazeal, docente al Mit di Boston, ritenuta tra i maggiori studiosi di robotica social al mondo.

Col suo occhione ricorda Hal 9000, il supercomputer ribelle che governava la navicella Discovery in “2001 Odissea nello spazio”, ma a differenza della macchina intelligente di Kubrick, questo social robot è decisamente più amichevole e collaborativo. “Uno di famiglia”, assicura il team di sviluppatori che lavora al progetto da tre anni.

Jibo: prezzo inferiore a quello di un’iphone e prenotazioni sold out

Quello di Jibo robot è un progetto in divenire, per il quale su Indiegogo sono state lanciate due diverse campagne di raccolta fondi.

Il prezzo di 749 dollari, circa 665 euro, è il costo pagato da chi lo ha prenotato sulla piattaforma di raccolta fondi per la campagna lanciata dall’azienda che lo produce. Su Jibo.com è comunque possibile chiedere l’inserimento nella waitlist, e sarete contattati quando sarà nuovamente possibile prenotarne uno. In questo momento non è possibile tuttavia avere un Jibo robot che parla italiano. Il prezzo si riferisce quindi alla versione in inglese.

Jibo robot, un factotum casalingo che si muove come un cartone

Il suo habitat naturale sono le mura domestiche. Jibo robot è un home robot che può scattare foto, effettuare videochiamate, leggere e inviare messaggi, ricordare un appuntamento e interagire con i componenti della famiglia che riconosce grazie a due fotocamere ad alta risoluzione e a un microfono con rilevazione sonora a 360 gradi. Un assistente personale quasi tascabile: alto solo 28 centimetri, pesa poco più di 2 kg, batteria esclusa. Caratteristiche che consentono di spostarlo facilmente negli ambienti della casa in cui serve.

 

Dai movimenti fluidi e realistici, Jibo ubbidisce ai principi base dell’animazione teorizzati dai creatori della Disney negli anni Trenta.

jibo-robot-prezzo

 

Per attivarlo basta toccarlo o chiamarlo per nome. Dotato di connettività wi-fi e bluetooth – con un sistema operativo basato su Linux – dispone di uno schermo touchscreen da 6 pollici. Grazie a speciali algoritmi, è in grado di imparare gusti e abitudini di ogni membro della famiglia e utilizzare un tono di voce appropriato all’interlocutore o alla mansione che gli viene richiesta. Il mezzo con cui comunica “emozioni” è l’occhio che, in base alle circostanze, può cambiare forma e colore o trasformasi in un’emoticon.

Al momento, Jibo robot comprende solo l’inglese americano: un limite che potrebbe ostacolarne nell’immediato la vendita in Europa, anche se gli sviluppatori sono già al lavoro per migliorare anche questo aspetto.

 

Abbiamo parlato di Jibo, prezzo e altri dettagli anche nell’articolo: 

Jibo e Buddy, due (social) robot che costano meno di 1000 euro

 

Potrebbe anche interessarti:

Tapia, robot da compagnia e assistente personale

Aido robot, prezzo e dettagli sull’home robot che assomiglia a E.T.

R1 robot, personal robot umanoide italiano