Ingegneria dell’automazione in Italia, cos’è e dove studiarla

ingegneria-dell-automazione-italia

Ingegneria dell’automazione in Italia, cos’è e dove si studia? Se l’idea di lavorare in un contesto ipertecnologico e multidisciplinare ti affascina, se ti piacerebbe fare dei robot il tuo pane quotidiano ma non sai ancora come proseguire gli studi dopo il diploma o la laurea triennale, ecco un percorso formativo che può fare al caso tuo.

Ingegneria dell’automazione, cos’è

L’ingegneria dell’automazione è una branca dell’ingegneria che si propone di progettare e realizzare apparati e dispositivi automatizzati che sono in grado di funzionare anche senza l’intervento dell’uomo. Nasce sostanzialmente dalla fusione di diverse discipline ingegneristiche: ingegneria meccanica, elettrica, elettronica, informatica e delle telecomunicazioni. In particolare, l’ingegneria dell’automazione ha molte affinità con l’ingegneria meccatronica, di cui abbiamo parlato anche nell’articolo Ingegneria meccatronica in Italia, cos’è e dove studiarla.

Ingegneria dell’automazione, sbocchi lavorativi

Un laureato in ingegneria dell’automazione in Italia lavora prevalentemente in ambito industriale – nelle aziende che forniscono o utilizzano sistemi automatizzati di produzione – nel campo della robotica, nel settore militare e in quello aerospaziale.

Ingegneria dell’automazione in Italia, dove si può studiare

ingegneria-dell-automazione-doveIngegneria dell’automazione al Politecnico di Milano: Polimi organizza un corso di laurea triennale e uno magistrale. La triennale, oltre a garantire un’adeguata preparazione in materie fondamentali come matematica e fisica, introduce le discipline che verranno poi approfondite nella magistrale (interamente in inglese). Tra queste figurano Fondamenti di Automatica, Controllo dei Processi, Fondamenti di Robotica, Modellistica dei Sistemi meccanici, Macchine elettriche e Azionamenti. Per maggiori informazioni visita il sito dell’Università.

Studiare Ingegneria dell’automazione a Bologna: Unibo offre un percorso formativo completo, articolato in un corso di laurea triennale e un corso magistrale. Gli studenti possono scegliere tra due diversi curricula: Sistemi per l’automazione e Automation engineering. Quest’ultimo ha un numero di posti limitato e prevede il rilascio di un doppio titolo di laurea da parte dell’Università di Bologna e della Tongji University di Shanghai. Per conoscere i rispettivi piani di studio collegati al sito dell’ateneo.

Ingegneria dell’automazione in Italia si può frequentare inoltre a Napoli, alla Federico II, dove sono attivi una triennale e una magistrale, mentre all’Università di Roma Tor Vergata ci si può iscrivere a un corso di laurea magistrale incentrato sul rapporto tra robot e automazione. Simile l’offerta formativa del Politecnico di Bari che organizza un corso di laurea magistrale fortemente orientato alla robotica e all’Internet of Things.

Automazione industriale, Progettazione di Sistemi di controllo e Robotica sono alcune delle materie della magistrale che si tiene all’Università di Padova. Per essere ammessi bisogna aver riportato alla triennale un voto minimo di 84/110. Ulteriori informazioni si possono reperire sulla pagina web del corso.

Presso l’Università della Calabria – che ha sede a Rende, in provincia di Cosenza – è disponibile un corso di laurea magistrale in Ingegneria dell’automazione che prevede per il secondo anno la possibilità di scegliere tra due diversi indirizzi: Controllo dei Sistemi elettrici e Sistemi cyber-fisici. Per saperne di più vai sul sito del Dipartimento che lo organizza.

Un altro corso di laurea magistrale si tiene all’Università di Catania, in inglese e con una parte rilevante dedicata alle attività di laboratorio. Tra le materie previste ci sono Microelettronica, Sensori e Sistemi di misura, Automazione industriale, Robotica e Biorobotica.

Chi vuole formarsi in un ambito specifico può iscriversi infine all’Università di Brescia, dove sono attivi una triennale e una magistrale in Ingegneria dell’automazione industriale.

Ingegneria dell’automazione, dove studiarla all’estero

Un paio di suggerimenti utili se vuoi studiare ingegneria dell’automazione all’estero.

L’University College of Northern Denmark organizza nella sua sede di Aalborg un corso di laurea biennale in Automation Engineering, interamente in lingua inglese. Il corso è a numero chiuso (20 posti). Per conoscere i requisiti di ammissione consulta il sito dell’Università.

All’Università Tecnica di Aquisgrana, in Germania, è attivo un Master of Science in Automation Engineering (l’equivalente della nostra laurea magistrale). Per accedere bisogna superare un test di ingresso. Agli iscritti è richiesta la conoscenza del tedesco e dell’inglese.

Un corso analogo si tiene anche all’Università di Tampere, in Finlandia. Possono iscriversi i laureati triennali in Ingegneria dell’automazione, Ingegneria meccatronica, Ingegneria elettrica o elettronica. Anche in questo caso è richiesta un’ottima padronanza dell’inglese. Sulla pagina web del corso trovi tutte le informazioni di cui hai bisogno.

 

Una serie di altri articoli che potrebbero interessarti:

Ingegneria robotica in Italia, dove si può studiare

Intelligenza artificiale e robotica, dove studiarle in Italia e all’estero

Ingegneria cibernetica, imparare a progettare e costruire robot e droni

Ingegneria biomedica, cos’è e dove si studia in Italia

Ingegneria tissutale in Italia e all’estero. Dove studiarla

Ingegneria tissutale, cos’è e perché ci allungherà la vita

Ingegneria Elettronica per l’Internet of Things, dove si studia in Italia

Scienze cognitive e processi decisionali, dove si studiano in Italia

Università e robotica: i corsi per lavorare con i robot

Master in robotica, dove si possono frequentare in Italia e all’estero

 

E ancora:

Corsi di robotica: ecco chi li organizza in Italia

Scuola di robotica: il futuro ora si impara sui banchi

Lavoro del futuro. Ecco come sarà