Esoscheletri: le aziende che li producono in Italia e all’estero

esoscheletri

Esoscheletri: cosa sono e quali sono le aziende che li producono in Italia e all’estero. Se stai cercando di chiarirti le idee su questi robot indossabili, frutto dei continui progressi della robotica biomedica e dell’ingegneria ciberneticain questo articolo ti proponiamo una piccola guida per orientarti meglio. I link in corrispondenza del nome di ciascuna società consentono di raggiungere i siti aziendali dai quali ottenere maggiori informazioni.

Esoscheletri, cosa sono

Prima di cominciare la nostra carrellata sui vari tipi di esoscheletri e su chi li produce diamo uno sguardo a come è nato questo robot indossabile.

Di esoscheletri  strutture robotiche che sostengono il corpo dall’esterno e potenziano le capacità fisiche dell’uomo anche dopo traumi gravi – ce ne sono di vario tipo, e il settore come dicevamo è in continua crescita e in rapida evoluzione. Gli impieghi possono essere svariati. Non necessariamente come dicevamo collegati alla medicina.

Come spesso accade nel settore delle tecnologie ultra avanzate, anche nel caso degli esoscheletri i primi passi hanno riguardato il settore militare. All’inizio quando si parlava di esoscheletri si faceva riferimento all’esoscheletro militare.

I primi tentativi risalgono alla fine del 1800 e agli inizi del Novecento. È tuttavia negli anni Sessanta che si comincia a delineare sempre negli States quello che sarà l’antenato dell’esoscheletro moderno: una macchina sofisticata, capace di tradurre gli impulsi nervosi in segnali elettrici che consentono il movimento anche a chi non può più far uso delle gambe. È il caso degli esoscheletri per paraplegici.

Vediamo insieme quali sono le principali aziende che producono questi dispositivi robotici in Italia e nel mondo.

ReWalk Robotics, esoscheletri israeliani

Se chi è affetto da una grave disabilità motoria ha la speranza un giorno di tornare a camminare, è in parte merito dell’israeliana ReWalk. L’azienda di Yokneam Ilit, nata nel 2001 sotto il nome di Argo Medical Technologies, ha progettato un esoscheletro per disabili che consente a chi ha perso l’uso delle gambe di muoversi in autonomia con l’utilizzo di stampelle. Il prossimo passo sarà adesso quello di sviluppare esoscheletri sempre più leggeri e soft per pazienti colpiti da ictus e sclerosi multipla.

Gli esoscheletri americani: Ekso e Parker

esoscheletri
L’esoscheletro di Parker Hannifin

Altra azienda leader nel settore della produzione di esoscheletri è l’americana Ekso Bionics. Fondata nel 2005 – allora si chiamava Berkeley Bionics – l’azienda californiana è ora penetrata in ogni angolo del mondo e l’esoscheletro Ekso per disabili, è il più diffuso nei centri di riabilitazione italiani. Ekso Bionics ha sperimentato anche Atlanta un esoscheletro per bambini che devono recuperare l’uso delle gambe.
Tra i fiori all’occhiello di Ekso Bionics, ExoHiker ed ExoClimber, esoscheletri robotici utilizzati anche nel campo militare o per sollevare carichi pesanti.
Sempre negli Stati Uniti la Parker Hannifin produce Indego, un esoscheletro per paraplegici da 26 kg utilizzabile anche se sei su una sedia a rotelle.

Cyberdyne e Honda, Giappone all’avanguardia 

esoscheletri

Walking Assist di Honda

 

Anche quando parliamo di esoscheletri non può mancare all’appello il Giappone, da sempre all’avanguardia nella robotica. Partiamo da Cyberdyne, una delle aziende di robotica che, per prime, hanno realizzato un esoscheletro. Tra questi l’esoscheletro per paraplegici Hal.

Tra le case automobilistiche giapponesi, spicca l’impegno della divisione robotica di Honda, da  cui sforzi è nato Walking Assist Device, esoscheletro leggero che aiuta le persone con deficit muscolari, come gli anziani, a camminare.

Dal lavoro di Rex Bionics, azienda neozelandese, è nato invece l’esoscheletro Rex.

 

Con Phoenix anche l’Italia batte un colpo

Anche l’Italia è presente tra i Paesi produttori di questi dispositivi roboticiPhoenix è l’esoscheletro prodotto da Mes, azienda romana, dal 2016. Come gli altri, Phoenix ridà la possibilità di camminare autonomamente a chi ha problemi di deambulazione a causa di malattie o incidenti.

Esoscheletri militari

esoscheletri

L’esoscheletro militare Hulc

Tra le aziende che producono esoscheletri militari, ricordiamo XOS 2, prodotto nel Massachussets da Raytheon. Poi c’è Hulc, sviluppato da Lockheed Martin per l’esercito statunitense, e il francese Hercule, frutto della collaborazione tra la Rb3d con la Direzione nazionale armamenti. L’ esoscheletro del futuro nei prossimi anni potrebbe essere un dispositivo a prova di proiettile, un vero e proprio esoscheletro da combattimento.

 

Per ulteriori informazioni sugli esoscheletri: 

Esoscheletro, prezzo dei modelli in commercio

Un esoscheletro per tornare a camminare

Esoscheletro: centri di riabilitazione in Italia

 

Potrebbero anche interessarti gli articoli: 

Riabilitazione robotica, incidenti e malattie fanno meno paura

Protesi robotiche: l’uomo robot non avrà limiti

Cyborg: metà uomini, metà robot. Esisteranno mai?

Cyborg e uomini bionici, arriva l’uomo robot