Atlas robot, l’umanoide di Google

atlas-robot-2016

Atlas robot viene considerato oggi tra i robot umanoidi più evoluti al mondo. È il pezzo pregiato della collezione di robot di Boston Dynamics, una delle aziende di robotica statunitensi più note, in orbita Google dal 2013. Ha un aspetto e una stazza che incutono paura ma è il simbolo di una robotica che in futuro potrebbe essere di grande aiuto per l’uomo. Anche nei momenti più difficili.

Atlas robot: agile e sempre in equilibrio, è l’erede di Petman

Atlas robot è il discendente diretto di Petman – soldato robot resistente agli attacchi chimici, progettato sotto la supervisione della Darpa, agenzia del Dipartimento della Difesa americano – e come il suo predecessore è stato finanziato con fondi governativi.

Alto 188 centimetri per 150 kg, Atlas robot è realizzato in alluminio aeronautico e titanio, un mix che lo rende super resistente. Nonostante la mole, la sua caratteristica principale è l’agilità: dotato di 28 giunture idrauliche, può salire le scale, arrampicarsi e camminare su terreni accidentati. Durante un esperimento – che potete vedere nel video seguente – è riuscito a rimanere in equilibrio su una gamba sola dopo essere stato colpito con una palla medica da 20 kg.

Atlas robot ha mani prensili che gli consentono di afferrare gli oggetti, mentre la vista è garantita da due telecamere stereo e un telemetro laser, montati sulla testa e controllati da un computer di bordo.

Le capacità del robot Atlas migliorano ogni giorno

Atlas robot apprende continuanente. In questo video che segue, si vede come stia perfezionando la sua capacità di camminare e restare in equilibrio, anche in condizioni limite. Questo ovviamente è importantissimo se si vuol fare diventare Atlas un robot soccorritore. Di questo parliamo nel paragrafo sotto. Intanto vediamo come questo umanoide si mantiene in equilibrio su un terreno accidentato. Sembra proprio un essere umano mentre cerca il suo baricentro per non cadere. E ci riesce molto bene.

Atlas robot ha un futuro da soccorritore

Atlas robot è stato testato in una foresta in Massachusetts, dove si è mosso con disinvoltura anche se ancora collegato a una fonte di alimentazione esterna. Per l’occasione è stato utilizzato il primo prototipo (luglio 2013). Nell’ultima versione, Atlas è stato ricostruito quasi interamente – a parte le gambe – ed è ora alimentato da una batteria portatile con un’ora di autonomia. I suoi creatori sono convinti che sarà in grado di sostituirsi all’uomo in situazioni di emergenza: comandato a distanza, potrebbe essere impiegato in zone colpite da incendi, terremoti o disastri nucleari con compiti di ricerca e soccorso.

Nell’edizione 2015 del Darpa Robotics Challenge, competizione mondiale per robot umanoidi soccorritori, ben 7 dei 25 androidi finalisti erano derivati dal prototipo di Atlas robot.

La nuova generazione di Atlas robot

All’inizio del 2016 Boston Dynamics ha presentato la nuova generazione di Atlas robot pensata per operare in ambienti interni ed esterni. Sono state migliorate le sue capacità di afferrare, spostare e manipolare oggetti e di bilanciamento automatico. Nella nuova versione, questo robot umanoide è alto 175 centimetri, pesa 82 chili e si muove grazie a un sofisticato sistema elettrico e idraulico.

Lo vediamo all’opera in questo video.

 

Abbiamo parlato di Atlas robot anche nell’articolo:

Google robot: così Mountain View si prepara alla rivoluzione robotica

 

Potrebbero anche interessarti:

Robot umanoide: cos’è. come funziona e prezzo

Robot umanoidi, guida a tutti i modelli

Robotica umanoide: cos’è e a che punto è la ricerca

Robot umanoidi giapponesi, i cloni di Hiroshi Ishiguro

Robot umanoidi in vendita, prezzo e caratteristiche

Robot umanoidi, ecco quanto costano

Umanoide, significato del termine e un po’ di storia

Androide cos’è e come funziona